Organizzazione e Funzionamento

La scuola ha durata biennale ed è aperta a non più di cinquanta iscritti.
Le iscrizioni si aprono ogni due anni. La selezione viene fatta attraverso un esame di ammissione cui possono accedere tutti coloro che sono in possesso di un diploma di scuola media secondaria di secondo grado.
La frequenza ai corsi è obbligatoria; le assenze, di qualunque tipo, non possono superare 1/6 delle ore complessive di lezione.
Alla fine del biennio, superati gli esami finali, viene rilasciato un Diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica, valido a tutti gli effetti di legge.

Ammissione

L’esame selettivo, consistente in due prove effettuate generalmente nella stessa giornata, è così strutturato:
I PROVA: traduzione scritta di un brano di latino medievale (secc. XII-XV). Il tempo concesso per la traduzione è di tre ore e ai candidati è consentito l’uso di dizionari latini;
II PROVA: i candidati devono rispondere, nel tempo di trenta minuti, ad un questionario contenente trenta domande a risposta multipla di cui una sola esatta. Le domande vertono sulla storia d’Italia (dal medioevo ad oggi) con particolare riferimento alla storia della Sicilia.
L’esame si svolge nel rispetto della vigente normativa in materia di pubblici concorsi.
Le domande di ammissione alla prova selettiva vanno inoltrate, dal 1° al 30 settembre, al Direttore della Soprintendenza Archivistica della Sicilia-Archivio di Stato di Palermo.
I moduli sono a disposizione presso la Segreteria della Scuola (Corso Vittorio Emanuele 31, 90133 Palermo o nel sito della Soprintendenza Archivistica della Sicilia-Archivio di Stato: www.saas-sipa.beniculturali.it 
Le domande inviate per posta o per e-mail (saas-sipa.scuolaapd@beniculturali.it) devono essere accompagnate dalla copia di un documento d’identità.
A conclusione della prova, i primi 50 classificati sono ammessi alla frequenza del I anno di corso, dietro presentazione di apposita domanda d’iscrizione.
Per gli iscritti al primo anno, l’ammissione al secondo anno di corso è subordinata alla frequenza.
Possono inoltre iscriversi direttamente al secondo anno di corso coloro che abbiano frequentato il I° anno presso un’altra Scuola d’Archivio o che abbiano superato, presso l’Università, gli esami di Archivistica, Paleografia e Diplomatica. 

Esami finali

Gli esami per il conseguimento del diploma di archivistica, paleografia e diplomatica si svolgono al termine del secondo anno di corso e consistono in due prove scritte e un colloquio.

I PROVA SCRITTA:
Compito di paleografia e diplomatica.
La prova consiste nella trascrizione, nel regesto e nel commento paleografico e diplomatico di un documento conservato presso l’Archivio di Stato di Palermo.

II PROVA SCRITTA:
Elaborato di Archivistica

COLLOQUIO:
Per essere ammessi al colloquio i candidati devono conseguire il punteggio complessivo di almeno 70/100 (settanta centesimi), ma il punteggio delle singole prove non può essere inferiore a 30/50 (trenta cinquantesimi).
La prova verterà su tutti gli insegnamenti fondamentali sia del primo che del secondo anno del corso.
Superano gli esami finali i candidati che hanno ottenuto il punteggio complessivo, sia delle due prove scritte che della prova orale, di almeno 105/150 (centocinque centocinquantesimi).
La commissione esaminatrice è composta dal direttore della Soprintendenza Archivistica della Sicilia-Archivio di Stato di Palermo, da un delegato ministeriale e da tre membri scelti tra docenti della scuola, docenti universitari e funzionari delle biblioteche statali.
L’esame è regolamentato dagli artt. 41, 61-64 del R.D. 2.10.1911 n. 1163 e dalla normativa vigente in materia di pubblici concorsi.  

Ultima modifica: 05 Maggio 2020